Un mamme emotivi dilemma che vogliono allattare al seno, ma può – t, le alternative alla formula per neonati.

Un mamme emotivi dilemma che vogliono allattare al seno, ma può - t, le alternative alla formula per neonati.

Yasmine Evjen, un graphic designer e Web a Chandler, in Arizona. Sempre programmato di allattare sua figlia.

Quando Evjen e il marito ha scoperto che era incinta più di un anno fa, hanno chiesto intorno ai loro amici e familiari con i bambini e ha deciso che l’allattamento al seno è stata la scelta giusta per loro. Non solo la ricerca ha dimostrato che il latte materno ha benefici di protezione per i bambini – i bambini allattati al seno hanno un minor numero di infezioni alle orecchie e punteggio più alto nei test più tardi nella vita rispetto ai bambini alimentati artificialmente, per esempio – ma sarebbe anche molto meno costoso possibilità di dover comprare latte artificiale, ha detto.

"Non abbiamo mai pensato che non era’t andare a lavorare," Evjen, 22, ha detto MyHealthNewsDaily. "E ‘naturale, e ho pensato che forse sarebbe stato difficile ottenere una sospensione di, ma accadrà indipendentemente, dal momento che è quello che siamo stati creati per."

Ma dopo aver sua figlia Chloe, Evjen si rese conto che qualcosa non andava. Non abbastanza latte era venuta a soddisfare la sua figlia, che continuava a piangere, perché aveva fame. Il suo pediatra ha detto che potrebbero essere necessari alcuni giorni per il latte di entrare, così lei deve continuare a cercare l’allattamento al seno, ma anche suggerito integrare l’alimentazione con latte artificiale.

Colostro, o "primo latte," stava fornendo i nutrienti nude per Chloe, ma il bambino non riusciva a ottenere pieno da esso.

Evjen attese per un paio di giorni per il suo latte di entrare, e presto, quei giorni si trasformò in settimane. Ancora non produceva abbastanza latte per sostenere la sua figlia.

Frustrato e non vogliono lasciare la loro figlia fame, Evjen e il marito ha preso la decisione di passare al latte materno di un amico perché aveva pompato troppo. Quando l’offerta del suo amico corse fuori, hanno fatto il passaggio alla formula. (Tuttavia, è importante notare che gli esperti di salute avvertono che la condivisione di latte materno può essere pericoloso se il latte non è stato verificato e pastorizzato in modo corretto.)

Non è stata una decisione – o di un costo finanziario – hanno anticipato, Evjen detto.

‘Si comincia ad avvertire come un fallimento’

La rabbia è una reazione naturale per le mamme che avevano sempre pensato di, ma non può, allattare al seno, ha detto il dottor Ruth Lawrence, professore di pediatria presso l’Università di Rochester Medical Center di New York. Queste madri potrebbero non essere in grado di pompare il latte in modo adeguato, o potrebbero avere una malattia che li rende in grado di allattare i propri figli.

"Sono arrabbiato con Madre Natura," Lawrence ha detto MyHealthNewsDaily.

Evjen ha detto le sue emozioni correvano la gamma di stressati, a arrabbiato, a sentirsi come un fallimento come madre.

"Ti fa sentire come un fallimento, quando non è possibile alimentare il proprio bambino, quando si suppone di essere qualcosa che dovrebbe essere così naturale," lei disse.

Tuttavia, è importante per le mamme come Evjen di non sentirsi in colpa per non essere in grado di allattare al seno i loro bambini, Lawrence ha detto.

Alcuni bambini hanno disturbi in cui hanno bisogno di bere formula. Altre volte, la madre cerca di pompare il latte, ma il pompaggio non funziona, Lawrence ha detto.

"Alcune donne gocciolare latte solo a pensarci, ma le altre donne hanno davvero alzare la pressione e si ottiene solo poche gocce," lei disse.

E solo perché una madre deve formula nutrire il suo bambino non vuol dire che non può ancora cogliere i benefici emotivi di nutrire il suo bambino, Lawrence ha detto.

"Una madre dovrebbero nutrito il suo bambino come se fosse l’allattamento al seno," Lawrence ha detto. "Dovrebbe tenere il bambino vicino a lei, ed eseguire la bottiglia lungo la parete toracica, come se il bambino era l’allattamento al seno. Prendi il contatto con gli occhi a faccia, e hanno tutte quelle esperienze materna. Questa è una parte importante di esso troppo."

Formula è una buona alternativa

In generale, il latte artificiale è sicuro e una buona alternativa per le mamme che non possono o non vogliono allattare al seno, Lawrence ha detto. E a differenza di paesi del Terzo Mondo che potrebbero avere fonti d’acqua discutibili, le madri negli Stati Uniti non devono preoccuparsi di miscelazione acqua contaminata con il latte artificiale, ha detto.

Tuttavia, è importante per le mamme che non hanno mai pensato che avrebbero dovuto formula-feed per la ricerca diversi alimenti per lattanti e per chiedere loro pediatra ciò che è meglio per i loro figli, Lawrence ha detto.

"I pediatri sono addestrati per gestire l’alimentazione infantile, e così una madre non dovrebbe essere la lettura annunci, si dovrebbe parlare al pediatra," lei disse. "Il suo pediatra la aiuterà con quello che sarà meglio per le esigenze del suo bambino."

Lo stesso vale per la formula organica, Lawrence ha detto. Anche se una formula potrebbe sembrare come se sarebbe migliore di un altro per un bambino, un pediatra conosce ancora le esigenze individuali del bambino migliore.

Ma alla fine, tocca per la comunità medica per assicurarsi che una nuova madre è a conoscenza di tutte le difficoltà che possono accompagnare l’allattamento al seno, Lawrence detto.

"Quando una donna vuole molto di allattare al seno, ma è successo qualcosa, abbiamo bisogno di un sistema migliore per aiutare quelle madri," lei disse. "Ed è quello che ho fatto per tutta la vita, sta cercando di educare i medici per rispondere alle loro esigenze e risolvere il problema."

Trasmetterla:Le mamme che ha sempre voluto, ma non può, allattare al seno non deve sentirsi come un fallimento perché devono ricorrere alla formula seno. Essi dovrebbero consultare il proprio pediatra per trovare la migliore alternativa per i loro neonati.

Seguire MyHealthNewsDaily scrittore staff Amanda Chan su Twitter @AmandaLChan.

Editors Raccomandazioni

Related posts

Related posts