Il cancro nei sintomi delle gambe, il cancro dei sintomi delle gambe.

Il cancro nei sintomi delle gambe, il cancro dei sintomi delle gambe.

Il più delle volte, linfedema colpisce le braccia e le gambe. E si pone in particolare nelle persone che hanno ricevuto il trattamento per il cancro al seno o di cancro che colpiscono il tratto urinario, vescica, reni, prostata, testicoli e del pene. Per le persone che ricevono il trattamento del cancro alla regione della testa e del collo, il collo è la sede più comune di linfedema. Ma può anche svilupparsi sotto il mento, di fronte, e, meno spesso, all’interno della bocca. Il linfedema può svilupparsi subito dopo la terapia chirurgia o radioterapia, o può verificarsi mesi o anche anni dopo il trattamento del cancro è terminato.

I sintomi di linfedema

Le persone con linfedema nella loro braccio o una gamba potrebbero verificarsi i seguenti sintomi:

Gonfiore che inizia nel braccio o della gamba

Un pesante sensazione nel braccio o della gamba

Debolezza o diminuzione della flessibilità

Anelli, orologi o vestiti che diventano troppo stretti

Disagio o dolore

pelle tesa, lucida, caldo, o rosso

Pelle che non rientro affatto quando premuto, o la pelle indurita

Pelle che può apparire come una buccia d’arancia (gonfio con piccole rientranze)

Piccole verruche o bolle che fuoriescono liquido chiaro

I sintomi della testa e del collo linfedema comprendono:

Gonfiore agli occhi, viso, labbra, collo, o la zona sotto il mento

Disagio o tenuta in una delle zone colpite

Difficoltà di movimento del collo, mandibola, o spalle

Cicatrizzazione (fibrosi) del collo e pelle del viso

visione diminuita a causa delle palpebre gonfie

Difficoltà di deglutizione, parlando, o respirazione

Sbavando o la perdita di cibo dalla bocca mentre si mangia

congestione nasale o di lunga durata il dolore dell’orecchio medio, se il gonfiore è grave

I sintomi di linfedema possono iniziare molto gradualmente e non sono sempre facili da individuare. A volte gli unici sintomi possono essere pesantezza o dolore in un braccio o una gamba. Ma a volte linfedema può iniziare improvvisamente più. Se si sviluppano sintomi di linfedema, parlare con il medico il più presto possibile. Sarà necessario imparare a gestire loro in modo da non peggiorare. Perché il gonfiore può essere un segno di cancro, è anche importante vedere il vostro medico per essere sicuri che il cancro non è tornato.

Le cause di linfedema

Linfedema di solito è un effetto collaterale prevedibile a lungo termine di alcuni trattamenti contro il cancro. Le cause più comuni di linfedema nei sopravvissuti al cancro includono:

Chirurgia in cui sono stati rimossi i linfonodi. Ad esempio, un intervento chirurgico per il tumore al seno spesso comporta la rimozione di uno o più linfonodi vicini per verificare la presenza di cancro. E questo può causare linfedema a sviluppare nel braccio.

La radioterapia o altre cause di infiammazione o cicatrici nei linfonodi e dei vasi

Il rischio di linfedema aumenta con il numero di linfonodi e dei vasi rimossi o danneggiati durante il trattamento del cancro o biopsie. A volte linfedema non è correlato al cancro o al suo trattamento. Per esempio, una infezione batterica o fungina o altre malattie che coinvolgono il sistema linfatico possono causare questo problema.

Diagnosi linfedema

Misurare la parte interessata del corpo con un metro a nastro per monitorare il gonfiore

Posizionamento del braccio o della gamba colpita in un serbatoio d’acqua per calcolare il volume di fluido che ha costruito

La creazione di un quadro del sistema linfatico con linfoscintigrafia. Anche se questo è un test affidabile, non è comunemente usato.

Il monitoraggio del flusso di fluido attraverso il sistema linfatico utilizzando una ecografia. Questo test di imaging utilizza onde sonore per creare un’immagine della parte interna del corpo.

Avere una tomografia computerizzata (TC o TAC) o la risonanza magnetica (MRI). Queste prove mostrano il posizionamento e il modello di drenaggio linfatico e se un tumore o altra massa sta bloccando il flusso del sistema linfatico. Tuttavia, i medici di solito non usano TC e RM scansioni per diagnosticare linfedema meno che non siano preoccupati per una potenziale recidiva del cancro.

Altri test che possono essere usati per diagnosticare linfedema comprendono perometry, che utilizza fasci di luce infrarossa, e spettroscopia bioimpedenza, che misura le correnti elettriche che scorrono attraverso i tessuti del corpo.

E ‘anche importante assicurarsi un’altra malattia non è la causa del gonfiore. Così il medico può eseguire altri test per escludere la malattia di cuore, coaguli di sangue, infezioni, insufficienza epatica o renale, o una reazione allergica.

Fasi di linfedema

I medici descrivono linfedema in base alla sua fase, da lieve a grave:

Stadio 0. Gonfiore non è ancora visibile anche se danni al sistema linfatico è già verificato. La maggior parte delle persone non hanno alcun sintomo in questa fase. E può esistere mesi o addirittura anni prima che si verifichi il gonfiore.

Fase I. I trattini pelle quando viene premuto, e non vi è alcuna prova visibile di cicatrici. Elevando l’arto interessato spesso aiuta a ridurre il gonfiore.

Fase II. La pelle non rientro quando viene premuto, e non c’è da moderata a grave cicatrici. Elevando l’arto interessato non aiuta il gonfiore.

Fase III. La pelle si è indurito, la parte del corpo interessata ha gonfiato in dimensioni e volume, e la pelle è cambiato texture. Stadio III linfedema è permanente.

La gestione e il trattamento di linfedema

Alleviare gli effetti collaterali è una parte importante della cura del cancro e il trattamento. Questo si chiama gestione dei sintomi o di cure palliative. Parlare con un membro del team di assistenza sanitaria su eventuali sintomi linfedema si verificano, in modo da poter iniziare il trattamento il più presto possibile. Ciò dovrebbe includere eventuali nuovi sintomi o un cambiamento dei sintomi.

Trattamenti per linfedema sono progettati per ridurre il gonfiore, evitare che si aggravi, prevenire l’infezione, migliorare l’aspetto della parte del corpo interessata, e migliorare la capacità della persona di funzionare. Anche se il trattamento è in grado di controllare linfedema, non esiste attualmente alcuna cura. Si consiglia di chiedere al medico di raccomandare un terapeuta linfedema certificato (CLT). Un CLT è un professionista sanitario che si specializza nella gestione di linfedema. Il terapeuta può valutare la sua condizione e sviluppare un piano di trattamento, che possono includere:

drenaggio linfatico manuale (MLD). MLD è una tecnica specializzata che comporta un tipo di massaggio della pelle delicata di aiuto bloccato scarico fluido linfatico correttamente nel flusso sanguigno. Ciò può contribuire a ridurre il gonfiore. Per ottenere i migliori risultati, si dovrebbe cominciare i trattamenti MLD il più vicino al punto di partenza del linfedema possibile. Un membro della vostra squadra di sanità può fare riferimento a un CLT esperto in questa tecnica.

Esercizio. Esercizio solito migliora il flusso del sistema linfatico e rinforza muscoli. Un terapeuta linfedema in grado di mostrare esercizi specifici che miglioreranno la vostra gamma di movimento. Chiedi al tuo medico o il terapeuta quando si può iniziare l’allenamento e quali esercizi sono giusto per te.

Compressione. bende non elastiche e indumenti di compressione, come le maniche elastiche, posto una leggera pressione sulla zona interessata. Questo aiuta a prevenire il fluido da riempimento e gonfiore dopo la terapia decongestionante (vedi sotto). Ci sono diverse opzioni, a seconda della posizione del linfedema. Tutti i dispositivi di compressione applicano la più lontana più pressione dal centro del corpo e meno pressione più vicino al centro del corpo. indumenti di compressione devono adattarsi correttamente ed essere sostituiti ogni tre-sei mesi.

decongestive terapia completa (CDT). CDT, noto anche come terapia decongestionante complessa, unisce la cura della pelle, drenaggio linfatico manuale, l’esercizio fisico, e la compressione. Un medico specializzato in linfedema o di un CLT deve eseguire CDT. Il terapeuta vi insegnerà anche come eseguire le tecniche necessarie a casa e vi dirà come spesso fare loro. Chiedi al tuo medico per un rinvio.

Elevazione. Mantenere un arto interessato elevato spesso aiuta a ridurre il gonfiore e favorisce il drenaggio dei fluidi attraverso il sistema linfatico. Tuttavia, spesso non è pratico per mantenere una posizione elevata per un lungo tempo.

trattamenti laser a basso livello (LLLT). Un piccolo numero di studi clinici hanno trovato che LLLT potrebbe fornire un certo sollievo del linfedema dopo la rimozione del seno, in particolare nelle braccia.

Farmaci. Il medico può prescrivere antibiotici per curare infezioni o farmaci per alleviare il dolore in caso di necessità.

Fisioterapia. Se avete difficoltà a deglutire o altri problemi che derivano da linfedema della testa e del collo, potrebbe essere necessario la terapia fisica.

Ridurre il rischio di linfedema

La ricerca continua a guardare in quali fattori causano linfedema e ciò che le persone possono fare per ridurre il loro rischio personale. Parlate con il vostro medico se avete preoccupazioni circa il rischio personale di sviluppare linfedema.

Mantenere un peso sano. Se siete in sovrappeso, l’adozione di misure positive per gestire il vostro peso dopo una diagnosi di cancro può contribuire a ridurre il rischio di sviluppare linfedema.

Cambia la tua posizione. Evitare in piedi o seduti per lungo tempo. Mentre seduti, non accavallare le gambe. Prop te stesso con cuscini a letto. Una posizione eretta migliora il drenaggio linfatico.

Limite di tempo in calore estremo o freddo. Evitare di vasche idromassaggio o saune, e limitare docce calde a meno di 15 minuti. Inoltre, non applicare una piastra elettrica o ghiaccio in aree gonfie.

Avere vaccinazioni, altre iniezioni, e IV di cui al braccio inalterati. Si dovrebbe anche evitare di avere sangue prelevato e la pressione sanguigna presa in braccio colpito. Informi il medico o l’infermiere si è a rischio di sviluppare linfedema.

Sapere quando a cercare assistenza medica. Chiamate il vostro medico o l’infermiere se si dispone di uno qualsiasi dei seguenti segni di infezione:

Temperatura superiore a 100,5 gradi Fahrenheit (F) o 38 gradi Celsius

Pelle che è calda al tatto

arrossamento della pelle, gonfiore o dolore

Maggiori informazioni

Related posts

Related posts